Stati Generali della rete trapiantologica Italiana

Le due giornate di lavori degli “Stati generali della rete trapiantologica Italiana”, promosse dal Centro Nazionale Trapianti, sono strutturate in modo da offrire ai partecipanti sia una rappresentazione generale dello stato evolutivo del sistema trapianti italiano, sia un approfondimento tematico sulle aree di lavoro che richiedono, in questa fase, maggiore attenzione e sviluppo.

La rete trapiantologica è in continua evoluzione e, soprattutto negli ultimi anni, in una fase di stabilizzazione della crescita negli anni seguenti alla legge quadro del 1999, ha dimostrato capacità di tenuta e di grande innovazione mettendo in atto importanti cambiamenti organizzativi, come quello del passaggio da quattro a tre livelli di coordinamento, e nuovi progetti fra cui, a titolo di esempio, il programma di prelievo a cuore fermo, il Vad, i programmi di ricondizionamento degli organi.

Queste novità rispondono alla volontà di mantenere un’organizzazione di rete, come quella della donazione e del trapianto, particolarmente duttile e reattiva verso gli stimoli o gli ostacoli derivanti dai cambiamenti in atto nel sistema sanitario e, allo stesso tempo, capace promuovere, pur nella necessaria considerazione delle differenze che caratterizzano le reti regionali, una uniformità di approccio e di valida risposta terapeutica verso i pazienti candidati al trapianto.

In questo quadro, con l’incontro di novembre il Centro Nazionale Trapianti propone a tutti gli operatori un momento di ascolto e confronto articolato principalmente in due fasi: una prima giornata, in plenaria, dedicata alla presentazione dello stato generale della rete trapiantologica e alle principali linee di lavoro, una seconda giornata, dedicata alle sessioni tematiche.

Il lavoro all’interno di quest’ultime sarà di tipo seminariale, ossia fortemente caratterizzato dal confronto con i partecipanti su priorità, contributi e strategie di sviluppo presentate da alcuni discussant.

Oltre a questo, gli stati generali vogliono essere anche l’occasione per una rappresentazione delle eccellenze e delle novità in atto. Allo scopo sarà allestita un’area per i contibuti raccolti.