Descrizione Progetto

Dr Apice | Eventi Symposia

Si stima che in Italia si formulino circa 53.000 nuove diagnosi di tumore colon rettale l’anno, e per questo, tale neoplasia è la seconda in ordine di frequenza fra quelle maligne sia nell’uomo che nella donna. La sopravvivenza dei malati di cancro colon rettale dipende strettamente dallo stadio in cui è stata diagnosticata e trattata la malattia. In generale la prognosi è favorevole con una sopravvivenza a 5 anni in Italia del 66% per i tumori del colon e del 62% per i tumori del retto. Variabile importante risulta essere il corretto trattamento chirurgico. Tale patologia è approcciata ubiquitariamente nella quasi totalità dei reparti di chirurgia generale. Lo scopo del nostro convegno è di analizzare se tale patologia, di grande impatto sociale, viene trattata nelle province della nostra regione nel modo corretto sia in termini diagnostici terapeutici che oncologici di supporto. Il confronto delle realtà provinciali con i centri di eccellenza nazionale servirà, ove ve ne fosse bisogno, ad uniformare il corretto trattamento. La faculty oltre ad essere composta dai vari responsabili provinciali, chirurgici, ed oncologici si avvarrà della presenza di eminenti esperti nazionali, che insieme si confronteranno per definire linee guida e percorsi; tutto al fine di affrontare la malattia neoplastica colon rettale nelle modalità razionale più completa sia nei centri cosiddetti di “eccellenza” che nei centri chirurgici cosiddetti “periferici”.

PANEL DEI DOCENTI

Il panel dei docenti di tali incontri comprenderà alcuni tra i maggiori esperti italiani delle varie tematiche per trattare in modo interattivo con i discenti alcune problematiche di particolare interesse scientifico relative alle patologie prese in considerazione.

ACCREDITAMENTO AI FINI ECM

Il convegno, al fine di massimizzare il risultato di apprendimento e consentire un ampio dibattito con i discenti, si rivolgerà ad un pubblico già con buone conoscenze della materia.

Essendo multidisciplinare è rivolto a tutte le professionalità del Dipartimento di Chirurgia, dai chirurghi generali ai gastroenterologi ed oncologi, nonchè agli anestesisti ed a tutto il personale infermieristico.

Si prevede che l’evento formativo verrà accreditato per le succitate categorie professionali per un massimo di 100 discenti per 6 ore formative.