Descrizione Progetto

 

EUROMIT è la principale conferenza internazionale sulle malattie mitocondriali.
Il prestigioso evento di quattro giorni ospiterà i discorsi di esperti di fama mondiale nel campo mitocondriale, un’eccezionale opportunità per condividere informazioni sullo studio dei mitocondri necessari per la produzione di energia all’interno del corpo umano.

Lettera di benvenuto dai presidenti del congresso

Con una forte fiducia nei vaccini, siamo felici di annunciare l’edizione 2023 di Euromit a Bologna, Italia.

Come da tradizione, incoraggeremo la partecipazione di diverse professioni, dai clinici, agli scienziati clinici e neuroscienziati, agli scienziati di base, per rafforzare l’idea che l’integrazione è l’unico modo per progredire.

Proporremo inoltre un cambio di paradigma stimolando la partecipazione di giovani scienziati e clinici, che formeranno la prossima generazione di ricercatori nel campo della Medicina Mitocondriale e coinvolgendo nell’incontro anche ricercatori che lavorano in diversi campi per aumentare la contaminazione scientifica produttiva. Presteremo particolare attenzione ad incrementare la parità di genere in questo incontro, proponendo un panel di relatori ben equilibrato da questo punto di vista.

Considerando che nei prossimi due anni assisteremo probabilmente all’accelerazione nel campo della medicina mitocondriale, prevediamo che saranno disponibili nuove tecnologie, nuovi approcci terapeutici ed eventualmente studi clinici per migliorare la vita dei nostri pazienti. Tutti questi contributi saranno presenti e articolati nelle sessioni scientifiche.

Vi accoglieremo tutti a Bologna nel 2023 per Euromit, per l’organizzazione del quale metteremo tutto il nostro impegno per coniugare una grande esperienza scientifica con la calorosa ospitalità e amicizia tipica del nostro Paese e della nostra gente.

I migliori auguri di buona salute a voi, alle vostre famiglie e alla vostra comunità.

Distinti saluti,
Gli organizzatori

Valeria Tiranti (Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, Milan)
Valerio Carelli (University of Bologna, Bologna)